Cinema

The way I see it, if you’re gonna build a time machine into a car, why not do it with some style?

Dr. Emmet Brown (Christopher Lloyd), Back to the Future – 1985

Questa è l’essenza dell’utilizzo delle auto nei film: se devo usare un’auto, perché non farlo con stile?

L’auto diventa non solo un prodotto commerciale, ma un’icona da associare alla pellicola.



L’automobile e il cinema


Il cinema nasce anche per farci sognare e regalarci delle storie e dei personaggi che ci permettono di volare lontano con la fantasia. Le avventure raccontate devono coinvolgerci per permetterci di partecipare attivamente alle vicissitudini raccontate.

L’utilizzo delle automobili nelle pellicole serve anche a questo. Ogni personaggio ha la sua auto che dovrebbe rappresentarlo e identificarlo caratterialmente.

Solo in questo modo l’auto diventa una protagonista del film.

Tanti film e tante auto di cui parlare. Provo a raccontarvi come vivo io queste esperienze.

Tre esempi per tutti: la saga di James Bond e le eleganti Aston Martin, Mad Max e la sua apocalittica Ford Interceptor e poi lei, la mitica DeLorean DMC12 di Ritorno al Futuro.

Iniziamo il viaggio…


Il cinema celebra l’auto.

Il primo articolo è dedicato a come alcune particolari pellicole celebrano l’auto, o di come l’auto celebra il cinema, mistero ancora da scoprire. In quella che è la mia visione del rapporto auto-cinema ci sono tre importanti legami che fanno capire cos’è l apassione per le auto e per il cinema. Due saghe sono note, mentre il terzo film potrebbe essere per alcuni non convenzionale…

Leggete l’articolo per scoprirlo, cliccando quì.